All posts filed under: Democrazia

La grande piazza virtuale del 25 aprile: il programma nazionale

Il programma completo della giornata. Si parte al mattino sui profili social dell’ANPI. Alle 14:30 su varie testate giornalistiche online l’avvio dell’attività pomeridiana con i videomessaggi, tra gli altri, di Carla Nespolo e della partigiana Maria Lisa Cinciari Rodano. Alle 15 il flash mob #bellaciaoinognicasa. La maratona di repubblica.it L’appello #iorestolibero La grande piazza virtuale del 25 aprile: il programma Un’ invasione di memoria. Questo sarà la Festa della Liberazione di quest’anno. Una grande piazza virtuale ed unitaria che vedrà come principali attori in campo l’ANPI e i tantissimi personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, del giornalismo, dello sport, del sindacato, dell’associazionismo democratico che hanno aderito all’appello di solidarietà #iorestolibero a favore della Caritas italiana e della Croce rossa. Tutte le donazioni andranno a beneficio, dei poveri, dei senza tetto, dei senza lavoro. Il testo dell’appello, l’elenco dei firmatari, e le donazioni raccolte fino ad oggi sono disponibili sul sito www.25aprile2020.it Il 25 aprile sui profili social dell’ANPI nazionale partirà alle ore 8 e si concluderà alle ore 19: https://www.facebook.com/anpinaz/ https://twitter.com/Anpinazionale https://www.instagram.com/anpinazionale/ Nel corso …

IL 25 aprile 2020 – ore 16,00 – Diretta video

Se il video sottostante non si dovesse caricare, è possibile seguire la diretta cliccando qui. La diretta sarà composta da tre momenti:• presentazione del libro «La fuga di Bruna»: un piccolo, ma significativo, racconto scritto dalla partigiana vicentina Bruna Mistè Meneguzzo, di Valdagno. Scrisse un diario durante l’attraversamento verso Sud della linea Gustav per raggiungere, nel gennaio 1944, il territorio già liberato. Ne parliamo con le curatrici Luisa Spencer e Valentina Catania, modera Nadia Olivieri• breve intermezzo musicale, come ogni festa del 25 aprile vuole. Canterà per noi Simonetta Venturini• presentazione del libro «Un carcere, un assalto», uno sguardo ravvicinato sulle carceri giudiziarie degli Scalzi che consente, per la prima volta, di raccontare tante storie: quella del sistema repressivo fascista, ad esempio, – dato che ospitarono antifascisti di grande fama – così come la drammatica resa dei conti interna al fascismo, poiché vi custodirono i gerarchi che avevano votato l’ordine del giorno Grandi. Ne parliamo con i curatori Andrea Martini e Federico Melotto, modera Fabrizio De Vincenzi. Qui i link attivi dalle 16.00 di sabato …

Verso il 25 aprile 2020 – “Col sole in fronte” Spettacolo in streaming.

Per una sera riapriamo “virtualmente” la porta del Teatro Laboratorio di Verona in attesa di ritrovarci tutti dal vivo nei teatri. In questo periodo di isolamento sociale Regina Mab, Teatro Scientifico/Teatro Laboratorio, Istituto Veronese per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, Salmon Magazine, ANPI sezione di Verona, Manzanilla MusicaDischi vorrebbero creare un momento di incontro virtuale incentrato sul ricordo e la coraggiosa esistenza di Rita Rosani per raccontarci le storie di una volta, di quando alcune donne e uomini fecero scelte coraggiose per la nostra libertà. Per una sera torna, seppur virtualmente, lo spettacolo “Col sole in fronte” dei Regina Mab al Teatro Laboratorio di Verona! Là dove è andato in scena nell’aprile del 2011! Alle ore 21 di domenica 26 aprile sulla pagina facebook del Teatro Laboratorio di Verona sarà postato il link dello spettacolo. Cliccandoci sopra lo potrete vedere direttamente da casa vostra. Esistono palazzi, vie, piazze delle nostre città con un nome ed un cognome. Molto spesso di quei nomi e cognomi non sappiamo assolutamente nulla. Nomi, ma spesso privi di …

Verso il 25 aprile 2020 – giovedì 23 aprile ore 11 videoconferenza: “I luoghi della memoria: un patrimonio della Democrazia”

Invitiamo giovedì 23 aprile ore 11 a partecipare, in videoconferenza streaming sul canale web della Camera (webtv.camera.it scegli evento a destra) e da Radio Radicale (radioradicale.it), all’iniziativa: “I luoghi della memoria: un patrimonio della Democrazia” Parteciperanno (collegati da remoto): Roberto Fico (Presiedente della Camera), Dario Franceschini (Ministro per i Beni e le Attività Culturali), Ettore Rosato (Vice Presidente della Camera), Graziano Delrio (Capogruppo Pd Camera), Federico Fornaro (Capogruppo Leu Camera), Antonella Incerti (deputata Pd), Carla Nespolo (Presidente nazionale Anpi), Dario Venegoni (Presidente nazionale Aned), Marco De Paolis (Procuratore Generale Militare), Paolo Pezzino (Presidente Istituto nazionale Ferruccio Parri), Albertina Soliani (Presidente Istituto Cervi), Pierluigi Castagnetti (Presidente Fondazione Fossoli), Marzia Luppi (Direttrice Fondazione Fossoli), Valentina Cuppi (Sindaco di Marzabotto), Valter Cardi (Presidente Comitato Onoranze di Marzabotto), Gian Luca Luccarini (Presidente Associazione Familiari di Marzabotto), Andrea Marchi (Vicepresidente Comitato Onoranze di Marzabotto), Laura Carlini Fangogna (Direttrice Museo della Risiera di San Sabba), Maurizio Verona (Sindaco e Presidente del Parco della Pace di Stazzema).

“Il 25 aprile il Paese intero canti Bella Ciao, c’è bisogno di speranza e unità”

Il dramma sanitario che tutto il Paese sta vivendo ci impone, quest’anno, di festeggiare il 25 aprile in maniera totalmente diversa: ognuno a casa propria. I valori della Resistenza vivono nella memoria, nella Costituzione e nella nostra democrazia, e sono «luoghi» a cui va costantemente data nuova energia. Quindi l’obbligatorietà di rimanere ognuno nella propria abitazione ci può dare la possibilità di leggere romanzi storici, testimonianze o ricerche storiche, quindi riflettere nuovamente sull’importanza di quei valori anche in questi drammatici giorni. Però c’è anche la proposta di “unirci” rimanendo distanti. L’Anpi, a livello nazionale, ha lanciato l’iniziativa per suonare e cantare «Bella Ciao in ogni casa» alle 15 del 25 aprile stesso. Uniamoci anche a Verona. Mandateci le vostre foto e i vostri video!Rimane sicuramente il dispiacere di non poter festeggiare insieme, anche se il dispiacere è doppio perché l’organizzazione di quest’anno ci aveva richiesto già maggiore impegno per costruirla al meglio. Quelle forze le terremo pronte per l’anno prossimo. APPELLO NAZIONALE PATRIA INDIPENDENTE Tesseramento 2020 La distanza sociale non ci ha permesso di aprire la …

Verso il 25 aprile 2020: IVRR – Raccontiamo la Resistenza

Vogliamo segnalarvi la pagina Facebook (https://www.facebook.com/Istituto-veronese-per-la-storia-della-Resistenza-e-dellet%C3%A0-contemporanea-824014600987760/) dove da qualche giorno potete trovare pillole di filmati con interviste di partigiani e resistenti veronesi raccolte negli scorsi anni da Gianluigi Miele.Inoltre, sempre sulla pagina, potrete trovare i contributi che in questi giorni sta pubblicando sui canali social (https://www.facebook.com/RaccontiamolaResistenza/?)  l’Istituto Parri di Milano capofila della rete degli Istituti per la storia della Resistenza in Italia. 

25 APRILE, “IL GIORNO CHE TORNAMMO LIBERI”

3 Aprile 2020 Intervista alla Presidente nazionale ANPI, Carla Nespolo, pubblicata sul nuovo numero di LiberEtà – mensile dello SPI-CGIL nazionale – dedicato al 25 aprile.di Fabrizio Bonugli Carla Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi, dialoga con LiberEtà sul significato del 25 aprile 1945. «Questa è la data simbolo che ha fondato l’Italia repubblicana e democratica». Le radici della nostra Costituzione affondano nella lotta di Liberazione e nella resistenza al nazifascismo, per questo è necessario alimentare la “memoria attiva” e tenere aperto il ponte con le nuove generazioni. E per fermare l’onda nera che tenta di riaffacciarsi sono decisive la cultura e la conoscenza «Nessuno pensi di cancellare il 25 aprile. Quel giorno rappresenta la data fondativa dell’Italia democratica. La Resistenza fu una lotta di popolo che consentì di liberare il nostro paese dal giogo nazifascista. Il 25 aprile è la nostra festa nazionale». Quest’anno si celebrano i settantacinque anni della Liberazione. Carla Nespolo, prima donna e prima non partigiana eletta nel 2017 presidente nazionale dell’Anpi, non usa giri di parole per spiegare cosa hanno rappresentato, e …

Martedì 7 aprile ci ha lasciato CESIRA PRETO socia Ad Honorem dell’ANPI di Verona

Con rammarico comunichiamo che martedì 7 aprile è deceduta CESIRA PRETO socia Ad Honorem dell’ANPI di Verona. Cesira, che lo scorso 12 febbraio aveva compiuto 100 anni, era la sorella di Danilo Preto partigiano dei GAP di Verona e medaglia d’Oro al valor militare alla memoria, morto nel combattimento che seguì subito dopo l’assalto al carcere degli Scalzi. L’assalto al carcere fu compiuto dai gappisti Berto Zampieri, Lorenzo Fava, Emilio Moretto, Aldo Petacchi, Vittorio Ugolini e dallo stesso Preto e portò alla liberazione del dirigente comunista Giovanni Roveda.  L’impresa è ricordata anche nella motivazione della Medaglia d’oro alla città di Verona. Ricordiamo Cesira nel luglio 2018 in una casa di riposo di Castelnuovo del Garda dove, con una lucidità impressionante per una donna di 98 anni, ci raccontò che lei e sua madre, sospettate dai fascisti di essere a conoscenza dell’attività di Danilo, il giorno dopo l’assalto furono arrestate e incarcerate agli Scalzi dove appresero dal cappellano del carcere don Chiot della morte di Danilo; furono rilasciate solamente il 2 settembre 1944. il presidenteTiziano Gazzi

“Alle miserie dei neofascisti rispondono la storia e la loro irrilevanza”.

Alle tradizionali e naturali miserie dei neofascisti rispondono la storia e la loro irrilevanza.L’Anpi continuerà, senza il minimo tentennamento,a fare il suo dovere di memoria sana e attivain particolare verso le nuove generazioni. LA SEGRETERIA NAZIONALE ANPIRoma, 10 febbraio 2020 Nella giornate dell’11 febbraio anche a Verona sono apparsi i manifesti di Casa Pound sulle vicende “del giorno del Ricordo”. Uno sul muro della Passalacqua vicino al Polo Zanotto, Università di Verona ed uno sul muro di cinta della sede di ANPI, IvRR, ANPIA. Nell’immediato ci siamo rapportati con il Regionale, Nazionale e gli avvocati ANPI ed in piena condivisione diffondiamo il comunicato ufficiale della posizione dell’ANPI. Invitiamo alla lettura dell’intervista della Presidente Nazionale ANPI Carla Nespolo di cui riportiamo uno stralcio: “Agli ignobili attacchi di Casapound risponderemo attraverso la magistratura” “Le accuse di negazionismo o riduzionismo sono un clamoroso falso sostenuto da qualcuno a destra che evita di riconoscere i comportamenti criminali del fascismo contro italiani e slavi. Furono i fascisti a parlare di “bonifica etnica” contro la minoranza slovena e croata e a …