All posts filed under: Evento

2 GIUGNO – LA REPUBBLICA DELLA COSTITUZIONE

19 Maggio 2020 Il manifesto e le iniziative dell’ANPI per la Festa della Repubblica. La Presidenza e la Segreteria nazionali ANPI: “Ogni giorno pubblicheremo sui social un articolo della Costituzione e il 2 giugno deporremo una rosa rossa sulle tombe delle 21 Costituenti” Rinascere dalla Repubblica e dalla Costituzione. Il 2 giugno 2020 racchiude questo impegno. L’Italia ha un’arma formidabile per il suo nuovo risorgimento: attuare pienamente i principi e le disposizioni della Carta costituzionale, conquistata col sacrificio delle partigiane, dei partigiani e di tutti coloro che liberarono il Paese. La Costituzione disegna una terra dove finalmente libertà, giustizia sociale, diritti umani e diritti civili diventano vita quotidiana. Per questo ogni giorno pubblicheremo sui social un articolo della Costituzione e il 2 giugno deporremo una rosa rossa sulle tombe delle 21 Costituenti che hanno contribuito, con infinita passione democratica e forza delle idee, a donarci questa magnifica Carta. LA PRESIDENZA E LA SEGRETERIA NAZIONALI ANPI

La grande piazza virtuale del 25 aprile: il programma nazionale

Il programma completo della giornata. Si parte al mattino sui profili social dell’ANPI. Alle 14:30 su varie testate giornalistiche online l’avvio dell’attività pomeridiana con i videomessaggi, tra gli altri, di Carla Nespolo e della partigiana Maria Lisa Cinciari Rodano. Alle 15 il flash mob #bellaciaoinognicasa. La maratona di repubblica.it L’appello #iorestolibero La grande piazza virtuale del 25 aprile: il programma Un’ invasione di memoria. Questo sarà la Festa della Liberazione di quest’anno. Una grande piazza virtuale ed unitaria che vedrà come principali attori in campo l’ANPI e i tantissimi personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, del giornalismo, dello sport, del sindacato, dell’associazionismo democratico che hanno aderito all’appello di solidarietà #iorestolibero a favore della Caritas italiana e della Croce rossa. Tutte le donazioni andranno a beneficio, dei poveri, dei senza tetto, dei senza lavoro. Il testo dell’appello, l’elenco dei firmatari, e le donazioni raccolte fino ad oggi sono disponibili sul sito www.25aprile2020.it Il 25 aprile sui profili social dell’ANPI nazionale partirà alle ore 8 e si concluderà alle ore 19: https://www.facebook.com/anpinaz/ https://twitter.com/Anpinazionale https://www.instagram.com/anpinazionale/ Nel corso …

IL 25 aprile 2020 – ore 16,00 – Diretta video

Se il video sottostante non si dovesse caricare, è possibile seguire la diretta cliccando qui. La diretta sarà composta da tre momenti:• presentazione del libro «La fuga di Bruna»: un piccolo, ma significativo, racconto scritto dalla partigiana vicentina Bruna Mistè Meneguzzo, di Valdagno. Scrisse un diario durante l’attraversamento verso Sud della linea Gustav per raggiungere, nel gennaio 1944, il territorio già liberato. Ne parliamo con le curatrici Luisa Spencer e Valentina Catania, modera Nadia Olivieri• breve intermezzo musicale, come ogni festa del 25 aprile vuole. Canterà per noi Simonetta Venturini• presentazione del libro «Un carcere, un assalto», uno sguardo ravvicinato sulle carceri giudiziarie degli Scalzi che consente, per la prima volta, di raccontare tante storie: quella del sistema repressivo fascista, ad esempio, – dato che ospitarono antifascisti di grande fama – così come la drammatica resa dei conti interna al fascismo, poiché vi custodirono i gerarchi che avevano votato l’ordine del giorno Grandi. Ne parliamo con i curatori Andrea Martini e Federico Melotto, modera Fabrizio De Vincenzi. Qui i link attivi dalle 16.00 di sabato …

Verso il 25 aprile 2020 – “Col sole in fronte” Spettacolo in streaming.

Per una sera riapriamo “virtualmente” la porta del Teatro Laboratorio di Verona in attesa di ritrovarci tutti dal vivo nei teatri. In questo periodo di isolamento sociale Regina Mab, Teatro Scientifico/Teatro Laboratorio, Istituto Veronese per la Storia della Resistenza e dell’Età Contemporanea, Salmon Magazine, ANPI sezione di Verona, Manzanilla MusicaDischi vorrebbero creare un momento di incontro virtuale incentrato sul ricordo e la coraggiosa esistenza di Rita Rosani per raccontarci le storie di una volta, di quando alcune donne e uomini fecero scelte coraggiose per la nostra libertà. Per una sera torna, seppur virtualmente, lo spettacolo “Col sole in fronte” dei Regina Mab al Teatro Laboratorio di Verona! Là dove è andato in scena nell’aprile del 2011! Alle ore 21 di domenica 26 aprile sulla pagina facebook del Teatro Laboratorio di Verona sarà postato il link dello spettacolo. Cliccandoci sopra lo potrete vedere direttamente da casa vostra. Esistono palazzi, vie, piazze delle nostre città con un nome ed un cognome. Molto spesso di quei nomi e cognomi non sappiamo assolutamente nulla. Nomi, ma spesso privi di …

Verso il 25 aprile 2020 – giovedì 23 aprile ore 11 videoconferenza: “I luoghi della memoria: un patrimonio della Democrazia”

Invitiamo giovedì 23 aprile ore 11 a partecipare, in videoconferenza streaming sul canale web della Camera (webtv.camera.it scegli evento a destra) e da Radio Radicale (radioradicale.it), all’iniziativa: “I luoghi della memoria: un patrimonio della Democrazia” Parteciperanno (collegati da remoto): Roberto Fico (Presiedente della Camera), Dario Franceschini (Ministro per i Beni e le Attività Culturali), Ettore Rosato (Vice Presidente della Camera), Graziano Delrio (Capogruppo Pd Camera), Federico Fornaro (Capogruppo Leu Camera), Antonella Incerti (deputata Pd), Carla Nespolo (Presidente nazionale Anpi), Dario Venegoni (Presidente nazionale Aned), Marco De Paolis (Procuratore Generale Militare), Paolo Pezzino (Presidente Istituto nazionale Ferruccio Parri), Albertina Soliani (Presidente Istituto Cervi), Pierluigi Castagnetti (Presidente Fondazione Fossoli), Marzia Luppi (Direttrice Fondazione Fossoli), Valentina Cuppi (Sindaco di Marzabotto), Valter Cardi (Presidente Comitato Onoranze di Marzabotto), Gian Luca Luccarini (Presidente Associazione Familiari di Marzabotto), Andrea Marchi (Vicepresidente Comitato Onoranze di Marzabotto), Laura Carlini Fangogna (Direttrice Museo della Risiera di San Sabba), Maurizio Verona (Sindaco e Presidente del Parco della Pace di Stazzema).

“Un carcere, un assalto. Repressione fascista, gappismo e Resistenza a Verona “

Mercoledì 19 Febbraio 2020Ore 17.30 Presentazione del libro Un carcere, un assalto.Repressione fascista, gappismo e Resistenza a Verona(ed. Viella) A cura di Andrea Martini e Federico Melotto Saluti istituzionaliDaniela BrunelliPresidente della Società Letteraria di Verona Massimo MeliconiVicepresidente dell’Anppia IntroduzioneStefano BiguzziPresidente IVrR IntervieneDianella GaglianiUniversità di Bologna SalutiCecilia PalombelliDirettrice editoriale di Viella Saranno presenti i curatori Ingresso libero fino ad esaurimento postiLa presentazione sarà trasmessa in diretta audio-videostreaminghttp://www.societaletteraria.it/streamingvideo/Società Letteraria di Verona, p.tta scalette Rubiani, 1 –info tel. 045595949

Incontro – sabato 15 febbraio: “L’altro esercito. Mobilitare l’economia e controllare i cittadini nelle guerre fasciste 1940-1943”.

L’Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, l’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ANPI), l’Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti (ANPPIA), organizzano un incontro che si terrà sabato 15 febbraio 2020 alle ore 16.20 presso la sede dell’Istituto in via Cantarane 26, dal titolo: L’altro esercito. Mobilitare l’economia e controllare i cittadini nelle guerre fasciste 1940-1943. Conferenza di Nicolò Da Lio.Introduce Federico Melotto, Direttore IVrR. Nicolò Da Lio ha conseguito il dottorato di ricerca all’Università del Piemonte Orientale. Si è occupato di storia sociale e culturale dell’Esercito italiano nella prima metà del ‘900. Assegnista di ricerca all’Università di Padova, studia il ruolo dei tribunali militari nella mobilitazione civile nel corso della seconda guerra mondiale. È autore, tra le altre cose, del saggio Punire più che educare. Storia sociale delle carceri giudiziarie di Verona 1922-1945 nel recente volume Un carcere, un assalto. Repressione fascista, gappismo e Resistenza a Verona, a cura di Andrea Martini e Federico Melotto.

12 febbraio – 3 INCONTRI 3 MESI: Verso il 25 APRILE 2020, Le Medaglie d’oro al Valor Militare della Resistenza veronese.

“Quando l’Anpi insiste nella difesa della memoria non è solo per conservare quel patrimonio ideale che ha portato l’Italia a sconfiggere il nazifascismo avviando una nuova stagione di libertà. La verità è che solo ricordando chi siamo stati si può proseguire sulla strada della democrazia. Ed è questo l’insegnamento che non si deve mai dimenticare.” 3 incontri per raccontare la resistenza veronese attraverso le biografie di uomini e donne insigniti della medaglia d’oro al Valor Militare. Sono alcune delle tante storie del movimento partigiano, nel quale confluirono, trovando coesione e unità, uomini e donne di diverso orientamento politico e ideale e di differente ceto sociale, uniti nella determinazione di riscattare la dignità del Paese, offesa da un ventennio di regime fascista e da una sanguinosa occupazione militare straniera. Gli incontri si terranno presso Osteria San Bernardino, Via Saffi 11/A – Verona. Per info anpiverona@gmail.com

“Cosa videro quegli occhi!” – Presentazione sabato 8 febbraio.

L’Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea, l’Associazione nazionale partigiani d’Italia (ANPI), l’Associazione nazionale perseguitati politici italiani antifascisti (ANPPIA), in collaborazione con l’Associazione di promozione sociale Magazzino Verona, organizzano un incontro che si terrà sabato 8 febbraio 2020 alle ore 16.20 presso la sede dell’Istituto in via Cantarane 26, in cui sarà presentato il volume: Cosa videro quegli occhi! Uomini e donne in guerra 1913-1920 Interviene il coordinatore della ricerca Diego Leoni Introduce Olinto Domenichini I volumi sono il prodotto del Laboratorio di storia di Rovereto che ha portato a conclusione un lungo lavoro diretto, da molti anni, in tale direzione. Nei contributi proposti a essere indagata non è soltanto la guerra combattuta, che anche nella quantificazione del fenomeno, nel numero degli arruolati e in quello dei caduti, giunge a un primo importante bilancio. Ampio spazio è dedicato infatti alle vicende dei civili, di donne, in particolare, e a fenomeni come quello che coinvolse centinaia di soldati trentini di lingua italiana in processi militari e in vere e proprie pratiche di sorveglianza …