All posts filed under: Nazionale

FERMIAMO le guerre in Siria in Medio Oriente. Costruiamo la pace.

Piattaforma Pace in Siria ed in Medio Oriente Piattaforma sottoscritta da Anpi, Arci, Cgil, Legambiente, Rete della Pace, Udu e altre organizzazioni, che aggiorna le posizioni da noi assunte immediatamente dopo l’attacco della Turchia al popolo Curdo nel nord della Siria. Ribadiamo la nostra volontà di sostenere le numerose e diffuse iniziative indette a sostegno dei diritti del popolo Curdo in particolare della giornata europea di mobilitazione indetta dalla “Autonomia del nord-est Siria-Rojava” per il 1° novembre. Si terranno manifestazioni nelle capitali dei principali Paesi europei e in numerose altre città del nostro continente. In Italia è programmata una manifestazione a Roma, coordinata dal UIKI (Ufficio Informazione del Kurdistan in Italia) così come sono indetti presidi in altre città. Invitiamo a partecipare alle iniziative in corso con le modalità che si rendono possibili a sostegno di quanto espresso nella sopracitata “Piattaforma per la Pace in Siria e in Medioriente”. TESTO DELLA PIATTAFORMA News Patria Indipendente

ANPI NAZIONALE: “L’astensione del centro-destra sulla Commissione Segre rischia di legittimare il razzismo”

La Presidenza e la Segreteria nazionali ANPI esprimono soddisfazione e apprezzamento per il voto favorevole del Senato all’istituzione di una Commissione parlamentare di indirizzo e controllo sui fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio. Un importante e concreto segnale di civiltà democratica sollecitato dall’instancabile, coraggiosa e preziosa Senatrice a vita Liliana Segre. Nel contempo, esprimono profonda preoccupazione e condanna rispetto all’astensione da parte dei senatori delle forze politiche di centro-destra, un atteggiamento grave e fortemente irresponsabile, in quanto interpretabile come atto di legittimazione dei fenomeni che la Commissione intende contrastare. La Presidenza e la Segreteria nazionali ANPI Roma, 31 ottobre 2019. Comunicato ANED Comunicato: Liliana Segre sotto scorta da oggi Patria Indipendente: Liliana Segre e “La pecora elettrica”.

Manifesto per il IV novembre, giornata nazionale delle Forze armate.

16 Ottobre 2019 Il testo redatto dalla Confederazione italiana tra le Associazioni combattentistiche e partigiane: CONFEDERAZIONE ITALIANA FRA LE ASSOCIAZIONI COMBATTENTISTICHE E PARTIGIANE IV NOVEMBRE GIORNATA DELLE FORZE ARMATE I Combattenti, i Decorati al Valor Militare, i Familiari dei Caduti e Dispersi in Guerra, i Mutilati ed Invalidi e le Vittime Civili di Guerra, i Protagonisti della Guerra di Liberazione e della Resistenza, i Reduci dalla Deportazione dall’Internamento e dalla Prigionia; RICORDANO l’eroismo dei nostri soldati, per tanta parte operai e contadini, che combatterono e caddero fino al raggiungimento della Vittoria; RIVIVONO nel 71° anniversario della Carta Costituzionale l’orgoglio del popolo italiano e dei militari italiani che, con la lotta al nazifascismo, hanno restituito libertà e dignità al Paese; RIBADISCONO l’importanza di trasmettere alle giovani generazioni la Memoria storica quale monito e testimonianza perché non si ripetano più gli orrori del passato; MANIFESTANO riconoscenza alle Forze Armate, presidio delle istituzioni repubblicane ed a tutti i nostri militari impegnati nell’adempimento del proprio dovere in Italia e all’estero. La Confederazione Italiana fra le Associazioni Combattentistiche e Partigiane

APPELLO per la cessazione immediata delle ostilità in Siria contro il territorio Curdo.

                                    ANPI, ARCI, CGIL e Legambiente alle Istituzioni europee: “Si avvii in Siria una forte e decisa azione diplomatica.” Alla Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen All’Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell Al Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli Al Presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte Al Ministro degli Affari Esteri, Luigi Di Maio Alla Presidente del Senato della Repubblica, Maria Elisabetta Alberti Casellati Al Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico Viviamo con angoscia queste ore nelle quali si sta minacciosamente aggravando la situazione al confine tra Turchia e Siria, una regione già funestata da una guerra cruenta di molti anni che ha prodotto innumerevoli vittime, soprattutto tra i civili. A seguito delle improvvide dichiarazioni del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump – che annunciavano il ritiro delle truppe americane dai quei territori, anche se oggi smentite – il Presidente della Turchia Recep Tayyip Erdoğan ha dato avvio ai bombardamenti e all’avanzata …

L’ANPI esprime forte dissenso sul taglio del numero dei parlamentari.

8 Ottobre 2019. Il testo della presa di posizione della Segreteria nazionale ANPI: Esprimiamo preoccupazione e dissenso sulla riforma costituzionale in corso di approvazione, che taglia drasticamente il numero di parlamentari. La motivazione prevalente, se non esclusiva, di questa riforma, è un risparmio per le casse dello Stato. Tale risparmio in realtà è così esiguo da essere del tutto irrilevante per i conti pubblici; per di più sarà operativo fra anni, e comunque una riduzione dei costi non può essere l’obiettivo di una riforma che incide profondamente sulla natura della democrazia italiana. Questa motivazione rievoca una vecchia tara di una parte della politica italiana: l’antiparlamentarismo, cioè il vedere negli eletti non i rappresentanti del popolo, vale a dire coloro sui quali grava una delle più alte responsabilità nella costruzione delle regole del vivere comune, ma un gruppo di persone di scarsa qualità, il cui obiettivo dominante è quello della conservazione di un posto di privilegio. Si nega al parlamentare la dignità dell’istituzione che rappresenta, e questo è un colpo all’intera impalcatura della Repubblica, quando invece …

ANPI NAZIONALE: “Esprimiamo preoccupazione per la risoluzione del Parlamento Europeo che equipara nazifascismo e comunismo”

22 Settembre 2019 Comunicato della Presidenza e della Segreteria nazionali ANPI L’ANPI esprime profonda preoccupazione per la recente risoluzione del Parlamento Europeo in cui si equiparano nazifascismo e comunismo, per altro in palese contrasto con la risoluzione antifascista, antinazista e antirazzista del 25 ottobre 2018. In un’unica riprovazione si accomunano oppressi ed oppressori, vittime e carnefici, invasori e liberatori, per di più ignorando lo spaventoso tributo di sangue pagato dai popoli dell’Unione Sovietica – più di 22 milioni di morti – e persino il simbolico evento della liberazione di Auschwitz da parte dell’Armata rossa. Davanti al crescente pericolo di nazifascismi, razzismi, nazionalismi, si sceglie una strada di lacerante divisione invece che di responsabile e rigorosa unità. L’ANPI si augura che al più presto giunga dal Parlamento Europeo, al fine della sua stessa autorevolezza e credibilità, il chiaro segnale di un radicale ripensamento, nel solco dei principi che ispirarono la creazione di un’Europa Unita, figlia dell’antifascismo e delle donne e uomini che si opposero ai regimi nazifascisti e frutto del pensiero dei confinati a Ventotene proprio …

Memoria: 5 settembre 1938, emanazione delle leggi razziali in Italia.

“Oggi come nel 1938 mi fa paura l’indifferenza” Liliana Segre “Per raccontare e non dimenticare ciò che il fascismo ha trasformato in legge” “Questo decreto, co-firmato dal re e da Mussolini, ed emanato il 5 settembre 1938, è il primo dei provvedimenti relativi alla politica razziale del regime fascista: stabilisce la “necessità di difendere la razza” all’interno della scuola, e quindi l’espulsione della classe docente e di quella discente – insegnanti e allievi, di ogni ordine e grado, nessuno escluso – di “razza” ebraica dalla scuola pubblica italiana. Significativamente, quello sulla scuola è il primo provvedimento presi dallo stato italiano nei confronti degli ebrei, a significare il peso che la politica educativa ha per il regime fascista. Da rilevare, inoltre, che l’espulsione degli ebrei dalla scuola rappresenta un’innovazione significativa nel contesto delle leggi razziali europee: la Germania hitleriana, ad esempio, introdurrà tale norma dopo l’Italia, nel novembre 1938. REGIO DECRETO – LEGGE 5 settembre 1938 – XVI, n. 1390 Provvedimenti per la difesa della razza nella scuola fascista” http://www.anpi.it/storia/266/espulsione-degli-ebrei-dalle-scuole   http://www.patriaindipendente.it/persone-e-luoghi/video/le-leggi-razziali-in-cinque-video/ http://www.anpi.it/articoli/2053/ogni-teoria-di-razza-superiore-o-di-razza-accompagnata-da-aggettivo-diverso-da-umana-non-deve-piu-avere-cittadinanza http://www.patriaindipendente.it/approfondimenti/il-giorno-dellinfamia-speciale-antologia-leggi-razziali/

ANPI NAZIONALE: “Bene la formazione del nuovo Governo e ora si attui pienamente la Costituzione”.

13 Settembre 2019 Documento del Comitato nazionale ANPI approvato nella seduta del 12 settembre. Il Comitato Nazionale dell’ANPI giudica positivamente la modalità attraverso cui si è affrontata la crisi che ha condotto alla formazione del nuovo governo: la crisi è stata giustamente portata in Parlamento ed è stata rispettata la Costituzione contro ogni ulteriore tentativo di asservirla a esigenze di parte. Grazie all’impegno ed alla correttezza del Presidente della Repubblica ed alla disponibilità di forze politiche diverse, si è realizzata, come l’ANPI aveva auspicato, una soluzione positiva, si sono poste le basi per una svolta democratica; è stata altresì ribadita, contro ogni tentazione plebiscitaria e populista, la natura parlamentare della Repubblica dando vita in Parlamento ad una nuova maggioranza che si è manifestata col voto di fiducia. Ora deve finire il tempo delle dichiarazioni contrapposte, dei post, del selfie che hanno caratterizzato il precedente governo. C’è bisogno di serietà e responsabilità. Bene ha fatto il Presidente del Consiglio in Parlamento a parlare di “sobrietà e rigore”. Ci vuole un impegno di tutto il governo per …

Carla Nespolo: “Basta tentennamenti, vengano sciolti i partiti e le organizzazioni neofasciste”.

Dichiarazione della Presidente nazionale ANPI per il quotidiano la Repubblica La Presidente dell’ANPI, Carla Nespolo: “Lo ribadisco: si sciolgano le organizzazioni fasciste. La provocazione dei saluti romani sotto il Parlamento è l’ennesima prova che siamo di fronte ad un fenomeno che va fermato. Bene ha fatto Fb ad oscurare le pagine di CasaPound e Forza nuova. Ora mi appello al Governo e alla magistratura: basta tentennamenti, stop ai partiti e ai gruppi fascisti. Applichiamo fino in fondo la Costituzione”. Da “la Repubblica” dell’11 settembre 2019.