All posts filed under: Costituzione

70 ° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

10 dicembre 1948 – 2018, 70 ° Anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti”   “…in una fase in cui i diritti umani e la solidarietà vengono posti in discussione e addirittura contrastati in modo assolutamente non corrispondente né alla Dichiarazione universale né alla Costituzione italiana. L’ANPI da tempo porta avanti una battaglia affinché la Costituzione italiana venga pienamente applicata, affinché questa preziosa miniera di valori e principi democratici, di unità, di realizzazione dei diritti, possa finalmente contribuire alla costruzione di un Paese totalmente libero, rispettoso della dignità delle persone, attento ai bisogni di chi è in difficoltà…” http://www.anpi.it/articoli/2107/i-diritti-umani-nella-dichiarazione-universale-dellonu-e-nella-costituzione-italiana Invitiamo a diffondere e partecipare numerosi all’iniziativa a cui come ANPI Verona abbiamo aderito perché non possiamo rimanere indifferenti a quanto accade attorno a noi.  “Dalle 18:00 saremo in piazza Erbe a Verona e oltre 80 città italiane per ribadire, tutti insieme, i contenuti e i valori della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, che mai come in questo momento sono necessari per riuscire a …

19 Ottobre 2018 – Mafie, impresa e politica in Veneto. Presentazione del libro “Come pesci nell’ acqua”

A cura della Sezione ANPI Soave “Augusto Tebaldi”. In occasione del secondo appuntamento organizzato da ANPI Soave nell’ambito dei 70 anni della Costituzione invitiamo a partecipare all’evento anche con vostre iniziative divulgative/informative (banchetto…), e a darne diffusione. Il Comitato di Sezione ANPI SOAVE

Medaglia d’Oro al Valor Militare – Città di Verona, 25 settembre 1991

 IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CONCEDE AL COMUNE DI VERONA MEDAGLIA D’ORO AL VALOR MILITARE “CITTA’ DI NOBILI TRADIZIONI PATRIOTTICHE, DAL RISORGIMENTO ALLA SECONDA GUERRA MONDIALE PIU’ VOLTE VESSATA DA OPERAZIONI MILITARI E DA ESERCITI STRANIERI, VERONA OFFRI’ ALLA RESISTENZA L’OLOCAUSTO DEL SUO SECONDO COMITATO DI LIBERAZIONE NAZIONALE CHE VI ORGANIZZO’ LA GUERRIGLIA E VENNESTERMINATO NEI CAMPI NAZISTI; IL SANGUE DEI SUOI CONCITTADINI DEL CORPO ITALIANO DI LIBERAZIONE E DI QUANTI VOLONTARIAMENTE COMBATTERONO LONTANI DALLA PATRIA; IL SACRIFICIO DEGLI INTERNATI MILITARI NEI LAGER E QUELLO DEI DEPORTATI POLITICI E RAZZIALI. L’ARMISTIZIO DELL’8 SETTEMBRE 1943 VI SUSCITO’ LA STRENUA DIFESA DI POPOLO E DI MILITARI DELL’8° REGGIMENTO ARTIGLIERIA: IL 17 LUGLIO 1944 VIDE L’AUDACE ASSALTO AL CARCERE DEGLI “SCALZI”; LA NOTTE SUL 26 APRILE 1945 LA SOLIDARIETA’ DEL POPOLO DI AVESA NELLO SGOMBERO DELL’IMMENSA POLVERIERA TEDESCA, PER LA SALVEZZA DELLA CITTA’. FEDELE CUSTODE DELLE SUE GLORIE MILITARI, ESPRESSE IN NUMEROSE DECORAZIONI AL VALORE, NON DOMA DAI BOMBARDAMENTI DEVASTANTI, DALLE DEPORTAZIONI, DALLE INSIDIE DELLE VARIE POLIZIE, DALLE REPRESSIONI, FUCILAZIONI, DISTRUZIONI DI INTERE CONTRADE CHE COLPIRONO LA PIANURA E …

Dei Rom e del “Censimento”.

La proposta di un censimento dei Rom presenti in Italia, per la massima parte cittadini italiani o comunitari, spinge a ricordare che il fascismo cominciò a schedare e a espellere le popolazioni nomadi, in particolare  Rom e Sinti,  già a partire dal 1926, considerandoli un problema di pubblica sicurezza. In seguito le politiche coloniali del fascismo furono ufficialmente improntate a posizioni razziste nei confronti delle popolazioni indigene. Infine nel 1938 Mussolini fece approvare le leggi razziali, che prevedevano la schedatura e vari tipi di discriminazione degli ebrei. Italia e Germania furono così unite in politiche di persecuzione nei confronti di quelli che venivano classificati nemici politici, e aggregati etnici e sociali considerati come un pericolo per la purezza della razza ariana. Questo atteggiamento produsse strumenti di repressione, tra i quali la costruzione, a partire dall’ingresso dell’Italia in guerra, di un diffuso sistema di campi di internamento, dove vennero rinchiusi anche “gli zingari”. Questa esperienza tragica, che ha coinvolto il nostro Paese come promotore di politiche razziali, ci deve rendere particolarmente sensibili e reattivi ad ogni …

Sabato 2 Giugno “Festa della Repubblica”

Ore 9,30 Cerimonia ufficiale in piazza Brà con le autorità cittadine. Seguirà presso il Palazzo della Gran Guardia la consegna di onoreficenze a cittadini particolarmente meritevoli. A conclusione concerto della Banda del Comando Artiglieria Controaerei dell’Esercito Italiano. Ore 17.30 presso l’Istituto veronese per la storia della Resistenza e dell’età contemporanea Via Cantarane 26: “Il senso della Repubblica”; conferenza di Silvio Pozzani, Presidente dell’Associazione Mazziniana Italiana – Sezione di Verona. Introduce Roberto Bonente